Il pianista, compositore e cantante Stefano Bollani si esibirà nuovamente dopo l’edizione del 2009, al Vicenza Jazz al fianco di Daniele Sepe.

Stefano nasce a Milano, il 5 dicembre del 1972 ma cresce a Firenze.  Alla sola età di sei anni inizia a studiare piano. Nel 1993 si diploma in pianoforte al “Conservatorio Luigi Cherubini” di Firenze.

Il suo primo approccio professionale alla musica è decisamente pop. Collabora, infatti, tra i diversi artisti con Irene Grandi, Jovanotti e Raf, ma decide ben presto di approdare nello stile che lo contraddistingue, il jazz.

Il 1996 è, per Stefano, un anno significativo in ambito musicale. Incontra il suo grande mentore Enrico Rava, con il quale inizia una collaborazione senza fine e incide ben trenta dischi. Tra i più recenti, citiamo: “Tati”, inciso nel 2005, in trio con Paul Motian alla batteria, “The Third Man”, registrato nel 2007 e “New York Days”, del 2008, in quintetto con Paul Motian, Larry Grenadier e Mark Turner.

Altri importanti artisti con cui Stefano collabora sono:

Richard Galliano, Phil Woods, Franco D’Andrea, Uri Caine, John Abercrombie, Greg Osby, Kenny Wheeler, Michael Portal, Aldo Romano, Bobby McFerrin e altri ancora.

Stefano ha uno stile musicale eclettico e molto spesso, nelle sue esibizioni, interagisce con il pubblico, improvvisando. Ha al suo attivo ha una serie di libri, l’ultimo dei quali, “La sindrome di Brontolo”, è stato pubblicato dall’editore Baldini e Castaldi Dalai nel 2006.

Il pianista è molto apprezzato e premiato dalla critica internazionale. Nel 2006 è il musicista italiano dell’anno per la rivista ”Musica Jazz” la quale l’aveva già in passato proclamato miglior nuovo talento del 1998 . Nel 2009 riceve il “Capri Global Artist Award” e viene nuovamente votato musicista dell’anno nel referendum di “Musica Jazz”. Nel 2011 riceve il “Los Angeles Exellence Award” per la cultura italiana nel mondo.